STEWARD su Pero (in pieno campo)

Colture Parassiti
Dose
Note
Intervallo di sicurezza
Pero (difesa - ambito d'impiego: in pieno campo
- modo di coltivazione: produzione)
Capua (Adoxophyes orana (=Capua reticulana)) Dose su ettaro:165-247.5 g/Ha
Dose su ettolitro:16,5 g/hl
Contro larve svernanti: intervenire alla ripresa dell'attività trofica delle larve svernanti nella fase pre o post-fiorale. Effettuare un trattamento utilizzando 16,5 g/hl (165-198 g/ha) di prodotto con volumi di 10-12 hl/ha. Contro generazioni estive: valutare l'intensità dell'attacco con l'ausilio di trappole a feromoni specifiche, intervenendo su ogni generazione dopo circa 6-8 giorni dal picco di volo, più propriamente alla schiusura delle uova-nascita delle prime larve. In caso di forte o prolungata presenza larvale effettuare due applicazioni distanziate di 10 giorni. Impiegare il prodotto alla dose di 16,5 g/hl (198-247,5 g/ha) con volumi di acqua pari a 12-15 hl/ha. In caso di infestazioni medio-leggere il fitofago può essere controllato con un unico intervento effettuato alla comparsa delle prime larve. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/Ha, applicare comunque una dose minima di prodotto corrispondente a 165 g/Ha. Effettuare massimo 4 applicazioni per anno. Allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti aventi un differente meccanismo d'azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente. 7 gg
Cacecia dei frutti (Archips podanus)
Eulia (Argyrotaenia pulchellana)
Cidia o tignola orientale (Cydia molesta) Intervenire in prossimità della schiusura delle prime uova, seguendo i dosaggi ed i volumi indicati. In situazioni di infestazione elevata e/o prolungata, si raccomanda l'inserimento del preparato in uno specifico programma comprendente anche l'uso di prodotti con differente meccanismo d’azione (ovicidi e/o larvicidi), al fine di controllare il fitofago in tutte le fasi del suo sviluppo. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/Ha, applicare comunque una dose minima di prodotto corrispondente a 165 g/Ha. Allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti aventi differente meccanismo d’azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente. Effettuare massimo 4 applicazioni per anno.
Carpocapsa (Cydia pomonella) Intervenire in prossimità della schiusura delle prime uova. Si raccomanda l'inserimento del prodotto in un programma di trattamenti che comprenda anche l'impiego di altri prodotti (ovicidi e/o larvicidi) aventi differente modo d'azione, al fine di controllare il fitofago in tutte le fasi di sviluppo. Si consiglia di porre particolare cura al controllo della prima generazione, al fine di scongiurare infestazioni estive (seconda e terza generazione) di difficile contenimento. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/Ha, applicare comunque una dose minima di prodotto corrispondente a 165 g/Ha. Effettuare massimo 4 applicazioni per anno. Allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti aventi un differente meccanismo d'azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente.
Piralide del Mais (Ostrinia nubilalis) Intervenire in prossimità della schiusura delle prime uova. Ripetere l'applicazione dopo 10 giorni monitorando la pressione del parassita. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/Ha, applicare comunque una dose minima di prodotto corrispondente a 165 g/Ha. Allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti aventi differente meccanismo d’azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente. Effettuare massimo 4 applicazioni per anno.
Pandemis (Pandemis cerasana) Contro larve svernanti: intervenire alla ripresa dell'attività trofica delle larve svernanti nella fase pre o post-fiorale. Effettuare un trattamento utilizzando 16,5 g/hl (165-198 g/ha) di prodotto con volumi di 10-12 hl/ha. Contro generazioni estive: valutare l'intensità dell'attacco con l'ausilio di trappole a feromoni specifiche, intervenendo su ogni generazione dopo circa 6-8 giorni dal picco di volo, più propriamente alla schiusura delle uova-nascita delle prime larve. In caso di forte o prolungata presenza larvale effettuare due applicazioni distanziate di 10 giorni. Impiegare il prodotto alla dose di 16,5 g/hl (198-247,5 g/ha) con volumi di acqua pari a 12-15 hl/ha. In caso di infestazioni medio-leggere il fitofago può essere controllato con un unico intervento effettuato alla comparsa delle prime larve. Su colture in produzione e con volumi di acqua inferiori o uguali a 10 hl/Ha, applicare comunque una dose minima di prodotto corrispondente a 165 g/Ha. Effettuare massimo 4 applicazioni per anno. Allo scopo di evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti aventi un differente meccanismo d'azione. Si consiglia di non effettuare il trattamento in caso di pioggia imminente.
Tortrice verde (Pandemis heparana)
Powered by Image Line®